labirintolibri


IL LABIRINTO
Libri

Amore e fama

di John Keats e Percy B. Shelley

home libri autori videoclip edizioni
Amore e fama videoclip

Gianfranco Palmery

Gianfranco Palmery legge John Keats 1'08

Josephine Greywode

Josephine Greywoode reads John Keats 1'03

Gianfranco Palmery

Gianfranco Palmery legge P.B. Shelley 1'13

Catherine Payling

Catherine Payling reads P.B. Shelley 1'07


Notizie sugli autori

John Keats, Percy B. Shelley

 

Degli stessi autori

Sulla Fama e altri sonetti (John Keats)

Alla Notte e altre poesie (Percy B. Shelley)

Sull'indolenza e altre odi (John Keats)


Mostra d’arte con i disegni originali del libro

Nancy Watkins The Poet's Room

The Poet’s Room

Nancy Watkins

Keats-Shelley Museo a Roma

Collana Grandi Tarsie

Testo originale a fronte

John Keats   Percy B. Shelley
Amore e fama
Traduzione di Gianfranco Palmery
Con cinque disegni di Nancy Watkins
2006, 2008 Pagine 96 Euro 10,00

Seconda edizione

ISBN 978-88-89299-36-4

John Keats, Percy B. Shelley Amore e fama

Il motivo della fama è antico quanto la poesia. Nel poeta moderno è spesso diviso nella duplice postulazione del desiderio e del distacco. Così è in Keats: la fama come coronamento dell’opera del poeta e, all’opposto, come «bruciante inganno». In quegli stessi anni Shelley cercava di comporre il dissidio e nobilitarla: «Fame is love disguised» – «è amore camuffato la fama» – e i poeti la ricercano come ricercano l’amore. L’amore e la fama sono al centro di queste poesie, scelte e tradotte da Gianfranco Palmery che sciogliendo, o riannodando, al suo modo i legami del metro e della rima, riesce a trasportare nella lingua italiana la «sofferta bellezza» dei sonetti di Keats come la negligente eleganza, la sconfortata forza delle stanze di Shelley.
È uno Shelley essenziale e «notturno», lontano dall’immagine più corrente del poeta di panica eloquenza, quello che qui si delinea, per una adesione originaria, si direbbe, al cuore più oscuro della sua poesia, e alla sua forma più nitida, da parte del traduttore. Di amore e fama in questi versi non è celebrato il trionfo: il desiderio non nascosto e perfino crucciato dell’uno e dell’altra ne misura l’assenza o il danno o la dolorosa distanza, in un arco che va dal vagheggiamento ora assertivo ora senza speranza di Shelley, fino all’azzeramento di Keats, nella percezione della loro fugacità, quel balenio, quell’attimo conquistato meditando in solitudine «finché nel nulla amore e fama affondano».


da Amore e fama

Quando temo di cessare d’esistere
prima che la mia penna il suo raccolto
in alte pile di libri dal fertile
cervello spigolato abbia rinchiuso,
mèsse di segni in ricolmi granai;
o d’un alto poema scorgo sul volto
stellato della notte oscuri simboli e penso
che potrei non fare in tempo a tracciarne
le ombre, magicamente in mano al caso;
quando sento che mai più ti vedrò, cara
creatura d’un attimo, né mai il fatato
potere d’un impetuoso amore
mi darà gioia; – allora sulla sponda
del mondo immenso in solitudine medito
    finché nel nulla amore e fama affondano.

John Keats     (Traduzione di Gianfranco Palmery)

 

Ozymandias

Un viaggiatore da un’antica terra tornando
mi ha detto: due gambe senza tronco, enormi, in pietra
stanno su nel deserto… Un po’ sepolta accanto
sulla sabbia, una testa spezzata, e il suo cipiglio,
il labbro increspato, il ghigno di freddo comando,
dicono che lo scultore ha visto bene quelle passioni,
impresse in cose senza vita, e vive ancora
oltre la mano che le colse e il cuore che le nutrì:
sul piedistallo appaiono queste parole:
«Ozymandias è il mio nome, re dei re:
guardate le mie opere, o Potenti, e disperate!».
Non resta altro. Intorno alla rovina
di quel rudere immenso, nude, illimitate
sabbie lisce e deserte si stendono lontano.

Percy B. Shelley   (Traduzione di Gianfranco Palmery)

 

 

 

John Keats (1795 – 1821) e Percy B. Shelley (1792 –1822): due nomi gloriosi della poesia inglese di tutti i tempi; diversi nella poesia e nella vita, simili nel destino che ha fatto trovare a entrambi una morte tragica in Italia, e un riconoscimento («amore e fama») canonicamente postumo.

Di Keats Il Labirinto ha pubblicato nella collana Tarsie Sulla Fama e altri sonetti, e di Shelley, nella stessa collana, Alla Notte e altre poesie.

Edizioni Il Labirinto