IL LABIRINTO
Libri

L’io non esiste

di Gianfranco Palmery

English

home libri autori videoclip edizioni

L’io non esiste

Videoclip

Gianfranco Palmery

Gianfranco Palmery /da L'io non esiste 00'54


Recensioni

 

Notizie sull’autore

Gianfranco Palmery

 

Dello stesso autore

Mitologie

Sonetti domiciliari

Gatti e prodigi

Giardino di delizie e altre vanità

Medusa

Il poeta in 100 pezzi

In quattro

Divagazioni sulla diversità

Italia, Italia

Profilo di gatta

Morsi di morte

Amarezze

 

 

Collana Stanze

Gianfranco Palmery
L’io non esiste
In copertina un dipinto dell'autore
2003 Pagine 128 Euro 12,00

In ristampa

ISBN 978-88-89299-26-5

Gianfranco Palmery L'io non esiste

Chiuso in casa, murato nella quotidianità, ostaggio della ripetizione, il poeta ha deciso di fare di questa vivace agonia giornaliera l’oggetto della sua osservazione – fino a arrivare a scoprirsi in verità chiuso non tanto in casa quanto nell’ossessione «di rendere l’osservatore il suo oggetto», per fare di se stesso – vene e nervi e tendini anellati e intrecciati in un’unica trama coi giorni – il proprio blasone: «un animale araldico arrestato / sulle due zampe e così raffigurato».
Ma sarà proprio così? Questo libro, e la condizione che raffigura, appare tutt’altro che riducibile alla fissità araldica; piuttosto lo si pensa inafferrabile, indefinibile, come la vita e i sogni – e il suo autore diviso tra il desiderio e il delitto. Il desiderio che tutto – pensieri, gesti, fiati, vapori – fluisca nel suo destino di evanescenza, di scomparsa, inafferrato, vivo; e il delitto di fermarlo, imprigionarlo, irrigidito nella sua morte figurale, in stemma.
È in questa secolare contraddizione tra vita e scrittura, che si traduce in agonismo dell’io con se stesso, in questa crepa o voragine antinomica che l’io si precipita e sparpaglia in tutta la sua fittizia identità. Non senza lampi e clamori, sarcastiche piroette e acrobatiche inarcature, com’è nei modi di questa poesia che fa scaturire dal vuoto e dalle tenebre della negazione la pienezza splendente della sua affermazione.


da L’io non esiste

Poesia, mia paziente giardiniera,
taglia sfoltisci metti ordine
nel groviglio dei pensieri, in questo
gran disordine dove ogni pensiero
si ripete si perde come in un assedio
di erbe che si fanno presto sterpi
tra loro soffocandosi serpentine
e solo il dispetto, tra serpi e spine,
velenoso verdeggia; anche nei sogni
le ortiche invadono la casa, i ragni
fanno il nido nel mio letto: e tu, presto,
riprendi tutto – ragni erbe serpi,
sotto la tua paziente tutela,
mia poesia, perfetta giardiniera.

 

 

Recensioni

SE L’IO NON ESISTE

di Marco Caporali

da «Pagine»

Ironia è provvidenza, nella coazione ad osservarsi scrivere, come si osserva il comico discendente, senza eredi, di un’illustre e tragica genia. Nell’ultimo libro di Gianfranco Palmery, L’io non esiste, la sola possibile fede è in quella spoglia ininfluente di una grandezza decaduta che ha nome poesia. Fede per via derisoria, nella forma dell’autodenigrazione, laddove coincidono osservatore e osservato, carceriere e recluso. Eppure, nonostante l’involuzione, il mondo in virtù della poesia, sottraendosi all’informe, al caos e all’arbitrio, diviene intelleggibile e dicibile. [...] (per la recensione completa)


L’IO NON ESISTE

di Idolina Landolfi

da «La Sicilia – Stilos»

Ogni poesia è sempre postuma, come scrive l’autore nella premessa a L’io non esiste: e in ciò sono con lui, soprattutto perché un’opera come questa, di grande efficacia nella compattezza delle sue modalità, nell’andamento egregio della versificazione, ancor più mi conforta nel mio convincimento. [...] (per la recensione completa)


L’IO NON ESISTE

di Giancarlo Pontiggia

da «Testo»

[...] Alle «Stanze» appartiene l’ultimo lavoro di Gianfranco Palmery, L’io non esiste, preceduto da due dense paginette di poetica che illuminano il senso del titolo e del libro: «Che un poeta dica io o tu o dica polimetis Odisseus o our ancient friend Don Juan: tutto è invenzione: l’io non esiste – se non al pari di ogni altro eroe, come veridica menzogna, maschera solenne o ironica, patetica o tragica». [...] (per la recensione completa)

 

 

Edizioni Il Labirinto